Volontariato | Archeologia | Beni Culturali
HOME | SCRIVICI
 
   
 

Conferenze


FRAMMENTI DI STORIA NEL NOSTRO TERRITORIO [ Inizio Pagina ]
Incontri a Pasian di Prato

Iniziativa della Societa  Friulana di Archeologia in collaborazione con uil Comune di Pasian di Prato

 - Sabato 23 luglio 2016, ore 21,00, a Colloredo di Prato, nel cortile di Olivo Luciano (via Alpi, n. 18), il dottor Massimo Lavarone parlerà de “Il Beato Bertrando e la via trevisana”, in collaborazione con la Pro Loco di Colloredo di Prato.
 -Martedì 30 agosto 2016, ore 21,00, a Passons, nella suggestiva cornice del “Parco Azzurro”, il dottor Massimo Lavarone parlerà de “I Longobardi a Passons” e la dottoressa Laura Chinellato parlerà de “L’altare di Ratchis nel Museo Cristiano di Cividale”, in collaborazione con il Comitato “Fieste in pa?s” della Parrocchia di Passons.
 -Sabato 22 ottobre 2016, ore 18,00, a Santa Caterina, presso la chiesetta medievale di Santa Caterina, il dottor Massimo Lavarone parlerà de “La Chiesetta e l’antica fiera di Santa Caterina”, in collaborazione con la Parrocchia di Basaldella.

Confermare la partecipazione a  tel n. 0432 26560, e-mail: archeofriuli@yahoo.it
 
Vedi locandina allegata.


Scarica Allegato:  SFA volantino Frammenti di Storia.pdf

XXVII Agosto Archeologico [ Inizio Pagina ]
Sezione Carnica, Tolmezzo, dal 29 luglio al 24 agosto 2016

La SEZIONE CARNICA, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia del Friuli Venezia Giulia e col patrocinio di Comunità Montana della Carnia Città di Tolmezzo, Comuni di Ravascletto, Sutrio e Zuglio, Fondazione “La Polse di Côugnes” - Zuglio − Biblioteca “Venier” - Zuglio, Amici dell’Hospitale - Majano, Pro Loco di Ravascletto, Pro Loco di Sutrio

XXVIII AGOSTO ARCHEOLOGICO
29 luglio - 24 agosto 2016

ZUGLIO – Venerdì 29 luglio (Loc. Formeaso) - ore 18.00, Sede della Protezione Civile, Via Don Madussi, presso la Scuola dell’Infanzia, Saluto delle Autorità, Battista MOLINARI, Sindaco di Zuglio
Gloria VANNACCI LUNAZZI, Coordinatrice della Società Friulana di Archeologia-Sezione Carnica e dell’Agosto Archeologico, “Presentazione ed inaugurazione del XXVIII Agosto Archeologico
FULVIA MAINARDIS, Università degli Studi di Trieste “La stanza che parla. Un pavimento da Iulium Carnicum”.

TOLMEZZO – Giovedì 4 agosto - ore 18.00 - Saletta Multimediale di Palazzo Frisacco, via Del Din, 7
Roberto MICHELI, Funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia del Friuli Venezia Giulia, “Vivere sull’acqua: Palù di Livenza (PN) e il mondo delle palafitte preistoriche

SUTRIO – Lunedì 08 agosto - ore 18. 00 - Sala Polifunzionale c/o Municipio, Eliano CONCINA, Segretariato Regionale MiBACT del Friuli Venezia Giulia, “Ritrovamenti archeologici nel Canale di San Pietro (Valle del But)”

ZUGLIO – Giovedì 11 agosto - ore 18.00 - Biblioteca “Venier” - Polse di Côugnes, presso la Pieve di San Pietro di Zuglio, Marino DEL PICCOLO, Amici dell’Hospitale, “L’Hospitale di San Giovanni di Gerusalemme. San Tomaso di Majano sull’antica Via di Allemagna

ZUGLIO – Venerdì 12 agosto - ore 16.00, Civico Museo Archeologico Iulium Carnicum, Visita guidata al Museo ed al pavimento restaurato dell’abitazione romana

TOLMEZZO – Mercoledì 17 agosto - ore 18.30 - Saletta Multimediale di Palazzo Frisacco, via Del Din, 7, presentazione del libro di Piero FAVERO, “L’Alba dei Veneti. Mito e storia delle origini”

TOLMEZZO – Sabato 20 agosto - ore 18.00 - Saletta Multimediale di Palazzo Frisacco, via Del Din, 7, presentazione del libro di Paolo MORGANTIL’ira dell’Alchimista” Morganti Editori

RAVASCLETTO – Mercoledì 24 agosto - ore 18.00 - Cjasa da Vicinia, Tiziana CIVIDINI, Università degli Studi di Padova, Fabio PIUZZI, Architetto, “Cente e Cortine in zona montana”.

Info: Società Friulana di Archeologia - Sezione Carnica - cell. 347 9620699 - e-mail: mgvannacci@libero.it
 




   
 

Mostre [ Inizio Pagina ]


Programmazione in corso

   
 

Corsi [ Inizio Pagina ]




TRIESTE. Corso di Archeologia Subacquea Fipsas Cmas in FVG [ Inizio Pagina ]
Ottobre 2016

Il Corso, denominato 2° PAs-FVG, si svolgerà nei primi tre fine settimana del mese di ottobre. Gli iscritti, con anticipo rispetto all’inizio dello stesso, riceveranno via e-mail una serie di informazioni specifiche finalizzate ad un avvicinamento consapevole e progressivo alla materia.
Durante le 6 lezioni di teoria e le 6 esercitazioni in acqua libera previste nel Corso, gli Allievi verranno seguiti da Istruttori federali e Relatori di alto livello culturale. In acqua libera si svolgeranno esercitazioni pratiche  atte a simulare azioni di ricerca, identificazione, rilievo, scavo e recupero di reperti archeologici.

Info: archeo.sub.fvg@gmail.com - visintin.riccardo@gmail.com

Vedi FAQ in allegato.


Scarica Allegato:  FAQ.pdf

SAXA LOQUUNTUR - MONUMENTI ISCRITTI ROMANI DAL FRIULI [ Inizio Pagina ]
Corso estivo di epigrafia - Aquileia, 22 - 27 agosto 2016

Facendo seguito alle precedenti due edizioni, svoltesi nel 2014 e nel 2015, la Società Friulana di Archeologia, in accordo con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, con il Dipartimento di Studi Umanistici e del Patrimonio Culturale dell'Università degli Studi di Udine (Laboratorio di Epigrafia greca e latina) e con l'Institut für Alte Geschichte und Altertumskunde della Karl-Franzens-Universität di Graz organizza dal 22 al 27 agosto 2016, ad Aquileia, il secondo corso estivo di epigrafia rivolto agli appassionati del mondo antico di ogni età, iscritto alla Società Friulana di Archeologia onlus.

Vedi programma completo e scheda iscrizione nell'allegato.

 


Scarica Allegato:  Programma e scheda iscrizione Saxa Loquuntur 2016.doc


   
 

Incontri [ Inizio Pagina ]


ATTILA AD AQUILEIA [ Inizio Pagina ]
Lunedý 18 luglio 2016

 - Lunedì 18 luglio 2016, ore 18,00, Piazza Patriarcato, area a sud della basilica, area delle mura e dei mercati tardoantichi, con Maurizio BUORA, accompagnato da alcune letture di Tullio Svettini, in ATTILA AD AQUILEIA.
Com'è da anni tradizione della Società friulana di archeologia, il 18 luglio - ricorrenza che cade nel bel mezzo della stagione balneare - è stato scelto perché nella ricorrenza della caduta di Aquileia per mano di Attila si vuole far riflettere un pubblico non solo di locali e di visitatori della regione sulla storia della città e sui suoi monumenti.
Appuntamento alle ore 18,00 nel piazzale a sud della basilica.
Con il patrocinio di:
Consiglio Regionale della Regione Autonoma FVG, Provincia di Udine, Comune di Aquileia, Fondazione Aquileia, Fondazione CRUP.

Al termine, per chi vorrà, ci potremo fermare a cena presso la Pizzeria “Alla Basilica” (via della Stazione, 2 Aquileia). Costo indicativo € 20 c. Prenotarsi in Segreteria (lasciare messaggio telefonico) o via mail: archeofriuli@yahoo.it
 




   
 

Laboratorio [ Inizio Pagina ]


Programmazione in corso

   
 

Convegni [ Inizio Pagina ]


Programmazione in corso

   
 

Segnalazioni [ Inizio Pagina ]


ATTIVITA' PROGRAMMATA PER IL 2016 [ Inizio Pagina ]

Approvato in Assemblea dei Soci il 26 febbraio 2016.

Aggiornamento al 26 febbraio 2016.


Scarica Allegato:  SFA 2016 programmi x Ass 2016.pdf



UDINE. Museo Archeologico. [ Inizio Pagina ]
in Castello

Le sale al piano terra nell’ala est del Castello di Udine ospitano i reperti frutto del collezionismo che ha caratterizzato la ricerca archeologica tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento in Friuli.
Il fascino esercitato dal passato e la curiosità intellettuale hanno infatti sostenuto l'attività archeologica di numerosi nobili friulani, come di Toppo, de Brandis, di Prampero, Gropplero, Frangipane, di Varmo, ma anche di molti illustri eruditi, quali Giulio Andrea Pirona, Alexander Wolf, Valentino Ostermann, Giovanni Marinelli, Pietro e Carlo Someda de Marco. Il Museo è introdotto dall'intervista impossibile con il conte Francesco di Toppo, nobile friulano, le cui parole consentono al visitatore di rivivere il giorno dell’inaugurazione del Museo Friulano, avvenuta il 13 aprile 1866.
I Sala - Augusto de Brandis
La prima sala è dedicata alla splendida e ricca raccolta del conte Augusto de Brandis, donata al Museo con un lascito testamentario nel 1924. Si tratta di reperti magnogreci provenienti principalmente dalle zone archeologiche di Taranto, indagate nel corso della modernizzazione della città alla fine dell’Ottocento: crateri apuli e campani, una ricca produzione di ceramica di Gnathia, statuette di terracotta e lo splendido stamnos dipinto ad Atene verso il 440 a.C. dal celebre ceramografo detto "Pittore di Menelao".
Il collezionismo fu una passione della famiglia de Brandis, che portò Augusto ad abituali contatti con mercanti d’arte e commercianti di antichità di tutta Europa; la sua collezione comprende anche 25.000 monete, antiche e moderne, provenienti da tutto il mondo; prevalgono gli esemplari dell’Italia antica, della Magna Grecia e della Sicilia, in particolare le emissioni della zecca di Taras-Tarentum, colonia di fondazione spartana che coincide con l’odierna Taranto.
Le indagini archeologiche a Taranto a fine Ottocento e la particolare composizione di questa straordinaria raccolta archeologica sono raccontate attraverso un’intervista a Marina Rubinich, ricercatrice dell’Università di Udine, che può essere seguita su un tablet posizionato nella stanza ed eventualmente approfondita nel volume della stessa Rubinich "ceramica e coroplastica della Magna Grecia nella collezione de Brandis".
II sala - Nobili, eruditi e religiosi
I nobili, gli eruditi ed i religiosi ebbero un ruolo determinante nella formazione del Museo cittadino nel 1866. I materiali da loro raccolti provengono da tutto il Friuli e testimoniano  un periodo compreso tra la Protostoria ed il Medioevo. Quest’ultimo momento storico, complesso per le popolazioni che si sono avvicendate o hanno influenzato il Friuli, è sintetizzato in un filmato che mostra anche l’utilizzo dei singoli reperti esposti nella sezione: oggetti di adorno ed elementi dell’armatura di guerrieri. Infine un tablet permette di rivivere attraverso le immagini, la città di Udine tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, l’arco cronologico nel quale la maggior parte dei protagonisti della sezione ha vissuto ed operato.
III sala - Francesco di Toppo e gli scavi ad Aquileia
Tra i protagonisti delle fasi formative del Museo Friulano un ruolo importante spetta al conte Francesco di Toppo, che nel 1883 lasciò alla città la sua ricchissima collezione di reperti rinvenuti in una necropoli romana di Aquileia. In questa sala del museo è possibile ammirare, suddivisi per categorie di reperti, così com’erano conservati dallo stesso collezionista, numerosissimi e preziosissimi materiali archeologici: centinaia di balsamari in vetro e terracotta, lucerne, urne cinerarie e soprattutto anelli in ambra e d’oro, fibule in metallo, collane di granati e d’oro, oggetti da toilette realizzati con materie prime diverse, dadi e pedine per il gioco. Elementi che con composizioni diverse costituivano i corredi funerari di questa necropoli aquileiese. Ecco perché la sala è introdotta da una intervista a Nicola Gasbarro, docente di Storia delle religioni presso l’Università di Udine, che orienta il visitatore nel difficile mondo di rituali e credenze che sottende il concetto della morte nelle diverse culture.
Da Aquileia provengono anche i due tappeti musivi esposti negli spazi successivi, uno policromo e l'altro bicromo, venuti alla luce in seguito agli scavi archeologici condotti da Giovanni Battista Brusin nel fondo Ritter ad Aquileia, e ceduti nel novembre del 1933 dal Regio Museo Archeologico di Aquileia.
IV sala - Dal collezionismo al museo pubblico
Il percorso sui temi del collezionismo si conclude con una valutazione di questo fenomeno, che se tra Ottocento e Novecento ha consentito la conservazione del nostro patrimonio culturale e la formazione di quasi tutti i musei pubblici, al giorno d’oggi è da considerarsi un valore superato: la decontestualizzazione dei reperti, infatti, non consente una ricostruzione storica dei complessi archeologici che è alla base della ricerca moderna.
V sala - Luigi Pio Tessitori
L'ultima sala è dedicata a Luigi Pio Tessitori ed alla ricerca archeologica all'estero. Tessitori, nobile friulano, giunse nel nord dell’India nel 1914 per dedicarsi allo studio di manoscritti della letteratura bardica e delle leggende e tradizioni popolari. L'incontro con Sir John Marshall, direttore generale dell’Archaeological Survey of India, gli consentì di rivolgere la sua attenzione di studioso anche all’archeologia, compiendo ricerche e svolgendo un ruolo determinante nella formazione del Museo Archeologico di Bikaner.
Nella  sala sono esposti gli oggetti personali e parte della sua collezione di armi di provenienza indiana (Collezione Peano di Reana del Rojale, Udine) ed una piccola parte del cosiddetto "fondo Tessitori" che comprende quasi 4000 tra libri manoscritti e a stampa, recuperati dai familiari dopo la sua morte e donati alla Biblioteca Civica V. Joppi di Udine.
Approfondimenti sulla sua breve ma intensa vita di studioso possono essere ritrovati nel sito web della  Società Indologica "Luigi Pio Tessitori" ed in quello realizzato per la mostra "Hic sunt leones. Esploratori, geografi e viaggiatori tra Ottocento e Novecento. Dal Friuli alla conoscenza dei Paesi extraeuropei".
Lapidario
Il percorso prosegue all’esterno nel sottoportico del castello, con il Lapidario che presenta epigrafi, monumenti e sculture di epoca romana provenienti soprattutto dalle collezioni dei conti Gorgo e di Toppo, che avevano proprietà fondiarie ad Aquileia e dintorni. Sono esposti anche materiali frutto di ritrovamenti fortuiti o utilizzati come reimpieghi in vari edifici. I reperti suddivisi per aree tematiche illustrano soprattutto la viabilità antica e le necropoli.
Collezioni in deposito
Nel seminterrato, i depositi del Museo Archeologico ospitano un numero cospicuo di reperti provenienti da acquisti, donazioni e dagli scavi condotti principalmente in Friuli, che per questioni di spazio non possono essere esposti. Sono rappresentate diverse categorie di materiali, tra le quali spiccano la ceramica ed i metalli, riferibili a località dell’udinese che coprono un arco cronologico che va dalla Protostoria al Medioevo.
In questa prima fase della catalogazione consultabile on-line è stata data priorità alle collezioni formate sin dall’origine del Museo Friulano da nobili, come Frangipane, di Toppo e de Brandis e da eruditi, come Pirona, Marinelli, Ostermann.
L’attività di schedatura prosegue ed ha come obiettivo di rendere fruibile l’intero patrimonio conservato nel Museo Archeologico di Udine consentendo in questo modo un’appropriata gestione e valorizzazione. I reperti sono descritti e datati in base alla più recente letteratura, per molti di essi è disponibile l’immagine e l’approfondimento attraverso il link alla scheda del Centro Regionale di Catalogazione e Restauro dei Beni Culturali di Villa Manin.

Info:
Indirizzo: colle del Castello, 33100 Udine
Telefono: 0432/271591 - Fax: 0432/271982 - E-mail: civici.musei@comune.udine.it
Ingresso: Intero € 5,00  - Ridotto € 2,50, per ragazzi da 14 a 18 anni (escluse scolaresche) e studenti universitari; titolari di Carta Giovani; anziani di età superiore ai 65 anni; gruppi di almeno 10 persone; soci TCI (Touring Club Italia); associazioni archeologiche; soci FAI (Fondo per l'Ambiente Italiano); soci AMICI DEI MUSEI; soci Coop Consumatori Nordest.
Ridotto scolaresche € 1,00, scolaresche provenienti da scuole medie superiori (per ciascun alunno)
Orari: Orario invernale (dal 1° ottobre al 28 aprile): da martedì a domenica dalle 10.30 alle 17.00 (la biglietteria chiude 30 minuti prima),
Orario estivo (dal 29 aprile al 30 settembre): da martedì a domenica dalle 10.30 alle 19.00 (la biglietteria chiude 30 minuti prima) - Chiuso il lunedì
Il servizio bus navetta per la salita al Castello di Udine parte da Piazza Libertà e arriva al piazzale del Castello stesso. Effettua un servizio di andata-ritorno ed  è attivo nelle giornate di: SABATO - DOMENICA - FESTIVI INFRASETTIMANALI con il seguente orario: - dalle ore 10.30 alle 12.30
 - dalle ore 15.30 alle ore 18.30 (orario estivo) - ultima corsa 18.15
 - dalle ore 14.30 alle ore 16.30 (orario invernale) - ultima corsa 16.15.

Fonte: http://www.udinecultura.it



I gioielli italiani. [ Inizio Pagina ]
Valorizzazione beni artistici italiani

La Società Friulana di Archeologia onlus, da sempre sensibile ai temi della valorizzazione dei beni culturali, ha deciso di condividere con gli amanti delle bellezze del nostro paese una sezione sulla propria pagina facebook in cui tutti possono mettere le fotografie delle proprie città o dei siti archeologici italiani.
La ricchezza culturale non si trova solo nelle grandi metropoli, ma anche negli angoli nascosti dell’Italia, luoghi che solo pochi conoscono e che, con questa iniziativa, vogliamo mostrare agli Italiani e agli stranieri.
Per questo motivo vi invitiamo a mandarci una o più fotografie che ritraggano un bene architettonico, archeologico o paesaggistico della vostra città o regione con l’indicazione di cosa si tratta e una breve spiegazione del monumento o del sito.
È un modo per valorizzare i “gioielli” che abbiamo e creare un legame tra realtà apparentemente distanti tra loro, ma unite dal filo invisibile della storia.
Potete mandare le fotografie alla nostra e-mail sfaud@archeofriuli.it o inserirle direttamente nella nostra pagina facebook.




 
 
 
Presentazione
Storia
Statuto e Regolamenti
Informazioni
Iscrizioni
Agevolazioni ai soci
Scrivici
Iscrizione Mailinglist
 
ATTIVITA'
  • Agenda
  • Appelli
  • Bacheca
  • Biblioteca
  • Campi di ricerca
  • Convenzioni/Collaborazioni
  • Archeologia in Rosa
  • Archeologia e Scuole
  • Egitto Antico
  • Seguendo le tracce...
  • Rassegna stampa
  • Studi e Ricerche
  • Viaggi e uscite culturali
  •  
    Federarcheo
    Archeocarta FVG
     
  • Quaderni
  • Il Bollettino
  • Altre pubblicazioni
  •  
    LINKS