IL PESO DELL ANTICHITA: mostra archeologica sulle misure e gli strumenti di pesatura nel Friuli romano.

Il Nuovo, 21/01/2010

Si potrà visitare fino al 25 febbraio la mostra archeologica che, a San Vito al Tagliamento, fa il punto sullo stato delle conoscenze e dei rinvenimenti ruguardanti "Misure e strumenti di pesatura nel Friuli romano".

Intitolata "Il peso dell'antichità", l'esposizione è stata allestita presso il museo civico Federico De Rocco, presso Torre Raimonda, in via Amalteo, 1 .

L'istituzione museale, insieme alla sezione pordenonese della Società friulana di archeologia, presenta all'incirca centodieci reperti provenienti dall'area delle ville rustiche del Sanvitese e del Casarsese (soprattutto una settantina di pesi rinvenuti in superficie e per la prima volta esposti al pubblico da quando sono stati consegnati al museo De Rocco e dalla collezione dei Civici musei udinesi, rappresentativa delle principali scoperte effettuate finora nel territorio della provincia di Udine.

I pesi esposti, unitamente a riproduzioni e ricostruzioni grafiche, illustrano l'evoluzione della bilancia e bracci uguali e piatti e il funzionamento della stadera da bilancia con un solo piatto (originario della Campania).

I reperti più interessanti sono i pesi in piombo ritrovati presso il grande insediamento produttivo della villa di Sile, in comune di Casarsa, attivo fra I i IV secolo dopo Cristo, e il peso da stadera in bronzo configurato a testa femminile, ritrovato a Zuglio, in Carnia, nel secolo scorso.

Secondo il saggio introduttivo, pubblicato dal catalogo della mostra, i sistemi ponderali identificabili in area friulana consentono di riconoscere contatti e scambi commerciali sia con l'Egeo che con l'Europa centrale, già tra l'età del Rame (III millennio a.C.) e del Ferro (I millennio a.C.), fino alle soglie della piena romanizzazione.

Per quanto riguarda i reperti di Sile, la possibilità di ricostruire vere e proprie serie di pesi di bilancia (basati su sottomultipli della libra) ha fatto pensare agli studiosi che tali strumenti, oltre ad essere utilizzati nelle attività economiche locali, potrebbero anche essere stati prodotti in loco.

L'esposizione è visitabile giovedì (10-12,30), venerdì (10-12,30 e 15-18) e prima domenica del mese (10-12,30 e 15-18).

Info 043480405; sfadestratagliamento@archeofriuli.it