PAESTUM (Sa). Presenze longobarde nelle regioni del Sud, radici che uniscono l'Italia.

BorsaturismoNews, 21 novembre 2009

Una presenza di grande spessore quella Longobarda nel Sud Italia, che si concretizza in numerose testimonianze archeologiche e di edifici storici.

Benevento, l'Avellinese, la stessa città di Salerno sono luoghi da cui traspaiono precisi elementi della civiltà venuta dalle regioni del Nord.

E dall'archeologia vengono gli elementi che fanno la storia e vanno a ricomporre le radici del nostro Paese in un unicum che rende ragione a tutti coloro che vedono l'Italia come il frutto di una mirabile fusione di culture e civiltà.

Il Castello di Arechi, il cui restauro è stato completato di recente dall'amministrazione della Provincia di Salerno, che ha posto l'intervento nel pacchetto dei primi 100 giorni del suo mandato; il Palatium Longobardorum di San Pietro in Corte, testimonianza unica in Europa: ecco due mirabili esempi in Salerno di una dominazione durata cinque secoli, rievocata all'inizio dell'incontro, che si protrae per l'intera giornata, promosso da Federarcheo e Gruppo Archeologico Salernitano in collaborazione, fra gli altri, con Gruppi Archeologici d'Italia, Società Friulana di Archeologia e Regione Basilicata.