TRIESTE. Nel mare dell’intimità. L’archeologia subacquea racconta l’Adriatico.

TRIESTE. Nel mare dell’intimità. L’archeologia subacquea racconta l’Adriatico.

Mediterraneo è il mare della vicinanza, l’Adriatico è il mare dell’intimità (Predrag Matvejević, da Breviario mediterraneo, ed. Garzanti 2007).
A TRIESTE, PER LA PRIMA VOLTA INSIEME, UN MIGLIAIO DI REPERTI DA MUSEI ITALIANI, CROATI, SLOVENI E MONTENEGRINI, PER RACCONTARE A TUTTI, CON GLI OCCHI DELL’ARCHEOLOGIA SUBACQUEA, LE ROTTE, I PAESAGGI, GLI UOMINI E LE STORIE DEL NOSTRO MARE ADRIATICO.
Per la prima volta saranno offerti al pubblico in una visione d’insieme relitti, opere d’arte e oggetti della vita quotidiana, merci destinate alla vendita e attrezzature di bordo, circa un migliaio di reperti provenienti dai numerosi giacimenti sommersi e prestati per l’occasione da musei italiani, croati, sloveni e montenegrini.
trieste 3L’ex Pescheria-Salone degli Incanti di Trieste si è trasformato in un paesaggio d’acqua, un fondale sommerso che permetterà di leggere in maniera più esaustiva l’intensità degli scambi culturali e dei traffici commerciali, la specificità della costruzione navale antica, la ricchezza delle infrastrutture e il dinamismo dei paesaggi costieri, le storie degli uomini che hanno attraversato questo mare intimo.
Con gli occhi dell’archeologia e della ricerca subacquea i visitatori saranno trasportati in un’ideale veleggiata lungo l’Adriatico, tra le due sponde e da nord a sud, per scoprire gli intensi rapporti che hanno tessuto su questo mare una ragnatela di rotte, traversate, itinerari, strade liquide lungo le quali si sono create una lingua comune, una comunità e un’identità fortemente unitaria.
trieste 2Una grande mostra internazionale che si propone come un vero e proprio laboratorio di ricerca archeologica e valorizzazione di un bene talvolta ignorato o dimenticato: il patrimonio sommerso. L’iniziativa è organizzata da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Ente Regionale per il Patrimonio Culturale della regione Friuli Venezia Giulia – Servizio catalogazione, formazione e ricerca e Comune di Trieste – Assessorato alla Cultura; in collaborazione con Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, Polo Museale Regionale del Friuli Venezia Giulia, Federazione Archeologi Subacquei, Croatian Conservation Institute (Zagabria), ICUA-International Centre for Underwater Archaeology (Zara); con il patrocinio di Ministero beni e attività culturali e turismo (MiBACT), Ministero della Cultura Croato, Ministero del Turismo Croato, Ministero della Cultura Sloveno, Promoturismo Fvg e il contributo della Fondazione CRTrieste.

Info: Fino al 1 maggio 2018 – TRIESTE, ex Pescheria – Salone degli Incanti
Tutte le informazioni, iniziative speciali, eventi collaterali, visite guidate, laboratori didattici e riduzioni su www.nelmaredellintimita.itinfo@nelmaredellintimita.it
Orari mostra: martedì-venerdì 9-17; sabato, domenica e festivi 10-19; chiuso il lunedì.
Ogni sabato e domenica, alle 11 si potrà visitare la mostra con l’accompagnamento di una guida gratuita, fino ad esaurimento posti disponibili. Ingresso € 7; ridotto € 5.
SOCIAL WALL – Con l’hashtag #intimoAdriatico si potrà seguire, condividere immagini, pensieri, commenti live sulla mostra, cercare informazioni e novità. Video trailer della mostra: https://we.tl/vv6GZfpetn (da scaricare, durata 1 minuto).
Eventi collaterali: Nel mare dell’intimità locandina eventi web