Alessandra FRAGALE. Il ruolo delle donne nel culto della Bona Dea-Magna Mater-Cibele in Campanika e ad Aquileia.

Alessandra FRAGALE. Il ruolo delle donne nel culto della Bona Dea-Magna Mater-Cibele in Campanika e ad Aquileia.

Il Culto della Bona Dea viene attestato da molte fonti letterarie nell’Impero romano così come anche dalle iscrizioni ma, come avviene anche per altre divinità, l’individuazione di un determinato periodo di sviluppo di tale culto è molto difficile. In un primo tempo il suo nome era un epiteto attribuito a varie dee, quali Venere, Maia […]

Micaela Vernamonte. BERENICE I E ARSINOE II: DUE REGINE A CONFRONTO.

Micaela Vernamonte. BERENICE I E ARSINOE II: DUE REGINE A CONFRONTO.

Parlare di donne nel mondo antico non è poi così facile: le fonti antiche non riservano molto spazio alla figura femminile e al suo ruolo all’interno della società, e di rimando per gli studiosi di epoca moderna e contemporanea è stato ed è particolarmente ostico questo argomento. Come gli uomini anche le donne si ritagliarono […]

Lorena CANNIZZARO, Il potere femminile nell’Alto Medioevo: le figlie dei re.

Lorena CANNIZZARO, Il potere femminile nell’Alto Medioevo: le figlie dei re.

Figure sfuggenti, di frequente poco ricordate dalle fonti scritte, le figlie dei sovrani altomedievali hanno attirato negli ultimi anni l’attenzione degli studi di genere. L’analisi combinata di fonti storiche, iconografiche, epigrafiche e archeologiche, infatti, ha permesso di delineare una nuova immagine di queste principesse regie. Leggi tutto nell’allegato: Le figlie dei re Intervento dell’autrice in […]

Alessandra FRAGALE, Le tombe delle regine neoassire nel palazzo NW di Nimrud.

Alessandra FRAGALE, Le tombe delle regine neoassire nel palazzo NW di Nimrud.

Nimrud, l’odierna Kalku, è stata la capitale dell’Impero neoassiro, la cui influenza egemonica politica e culturale sul mondo del Vicino Oriente si è sviluppata dal IX all’VII secolo a.C.. Purtroppo, nel 2014, tale cittadina è caduta sotto il controllo dell’ISIS ed ha subito gravi danneggiamenti finché, nel 2015, il sito archeologico è stato completamente distrutto […]

Giacomo CACCIAPUOTI. Laodice VIII Théa Philadelphos. Un’indagine preliminare.

Giacomo CACCIAPUOTI. Laodice VIII Théa Philadelphos. Un’indagine preliminare.

Gli studi in età moderna sulla regione denominata Commagene risalgono già al 1689 a seguito di Epochae Syromacedonum in vetustis urbium Syriae nummis praesertim Mediceis expositae, composto da Enrico Noris. Antecedentemente a quest’opera di ampio respiro, le indagini su questa piccola satrapia seleucide erano ristrette ad un campo prettamente numismatico, grazie ad opere come Selecta […]

Chiara ZANFORLINI, Dee, regine e spose del deserto: le donne di Palmira.

Chiara ZANFORLINI, Dee, regine e spose del deserto: le donne di Palmira.

I volti delle donne di Palmira ci appaiono grazie ai numerosi ritratti funebri che accompagnano le splendide sepolture dei nobili palmireni. Leggi tutto nell’allegato: DEE, REGINE E SPOSE DEL DESERTO LE DONNE DI PALMIRA Testo di intervento in “Archeologia in Rosa” del 7 marzo 2017. Autore: Chiara Zanforlini – zanforlini-chiara@tiscali.it

Alessandra FRAGALE, Venere patrona delle donne romane: due casi di studio in Campania e ad Aquileia.

Alessandra FRAGALE, Venere patrona delle donne romane: due casi di studio in Campania e ad Aquileia.

Venere è una delle divinità italiche primitive connessa alla vita agricola e, come tale, viene descritta quale signora dei fiori e dei giardini, patrona della natura rigogliosa e della fertilità degli orti. Al suo culto sono associati il mirto, la rosa, la conchiglia e le colombe che, nelle raffigurazioni come anche nei miti, trainano il […]

Alessandra Fragale, Venere e Cerere nell’universo femminile pompeiano.

Alessandra Fragale, Venere e Cerere nell’universo femminile pompeiano.

Parlando di Pompei si ha la netta sensazione che la presenza divina sia ovunque si vada, sia nei luoghi pubblici che nelle case private. Religione e sacralità sono fuse in tutte le espressioni del vivere quotidiano antico sia a livello privato (larari, altari, ex voto e dediche votive) sia a livello pubblico (grandi santuari urbani […]

Virginia FILECCIA. La riscoperta di un sarcofago egizio del Museo Archeologico di Firenze.

Virginia FILECCIA. La riscoperta di un sarcofago egizio del Museo Archeologico di Firenze.

Archeologia in rosa, 6 marzo 2015 Il sarcofago ha forma antropoide, con le mani, unico elemento in rilievo, applicate sul petto su cui sono raffigurati due collari molto elaborati. Il resto della superficie è occupata da vignette con una medio-alta densità degli elementi decorativi, caratteristica che, insieme ad altri elementi stilistici, quali l’estensione del collare-usekh, […]